[Il Fatto Quotidiano] Perché tanta gente ha rotto le palle

L'Italia è bella perché è varia, si sa. In tutta questa varietà esiste una specie rara che non però resiste all'estinzione: i sinistroidi autoflagellantisi.

Chi sono?

Sono persone che trascorrono gran parte del tempo su Internet alla ricerca di notizie che confermino loro che tutto è marcio, tutto è peste, tutti sbagliano (anche io do il mio piccolo contributo a questa comunità, salvo poi pentirmene).

Succede che in seguito all'uscita del Fatto Quotidiano le discussioni generatesi tra Friendfeed e Twitter vertevano non tanto sulla bontà/qualità delle notizie e sugli scenari che un nuovo giornale, senza padroni e fondi statali, potrebbe aprire nel mondo dell'editoria, ma sulla grafica inesatta (qualcuno commenta sarcasticamente:"più di 50 font differenti") o sul fatto che l'antiberlusconismo sia l'unico motivo che lega i redattori di questo giornale e la sua linea editoriale.

E contro chi dovrebbero andare contro? Spiegatemelo.

Oppure post in cui si dibatte su quanto sia giusto far scrivere la Borromeo, discendente della nobile famiglia ed accasata (a quanto pare) Casiraghi, invece che persone che lo farebbero gratis pur di stare con Travaglio, Colombo, Gomez et alii. E vabè, stiamo sempre a rosicare.

Il Fatto Quotidiano è nato in seguito a grandi sforzi. Travaglio, Beha, Padellaro e gli altri hanno fatto il giro d'Italia per creare un po' di passaparola. Non si sa quanto potrà durare e voi che fate? State li' a discutere sulle cazzate.

Capisco che in comunicazione un visual efficace ha i suoi effetti positivi. Ma sappiamo tutti con quanti soldi è nato questo progetto. E, nel frattempo, cosa stiamo facendo noi per migliorare le condizioni di questo paese? Critichiamo.

Una volta tanto, basta con le seghe mentali, cerchiamo di essere coesi e di far cambiare qualcosa in questo paese di merda.

Infine, due parole per Sansonetti (Mister salotto): se hai tanta voglia di scrivere per il Giornale basta dirlo. C'è sempre posto per un direttore fazioso o di qualcuno che mischi le carte per confodere le idee.

2 commenti:

Mirko ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
TrentALZAlavoce ha detto...

Concordo con l'autore dell'articolo. L'idea che sostiene il giornale è rivoluzionaria e anche la modalità di realizzazione e per questo il quotidiano va sostenuto. Sul resto si può discutere per migliorarlo, non per farlo chiudere.