Intime riflessioni notturne

A volte penso che tutti noi siamo un pò stupidi perchè sarebbe così facile mandare avanti la nostra vita in modo equilibrato, "normale". Forse dovremmo dare un senso a ciò che facciamo e non fare qualcosa per dare un senso alla nostra vita. Che tristezza!
Nei rapporti con gli altri spesso alziamo delle barricate perché coltiviamo un'intima paura, di cosa poi non è dato saperlo. Non riusciamo ad esprimere liberamente noi stessi, ci sentiamo ingabbiati, o meglio, inscatolati. Pensate di essere in una scatola con altre persone: bisogna sgomitare parecchio per farsi spazio, no?
Dovremmo chiederci perché ciò che per noi è normale nell'intimità poi, una volta fuori, diventa sconveniente. Si potrebbe obiettare che non per niente si chiama intimità ma io potrei ribattere che l'intimità è un bisogno indotto dall'eccessiva esposizione al mondo da parte nostra.
Tante volte diciamo: "Non riesco a capire cosa voglio". Dobbiamo per forza volere qualcosa? La nostra società ci induce, sempre di più, a pensare che dobbiamo essere qualcuno se vogliamo farci rispettare. In un mondo ideale basterebbe essere sè stessi.
Questi sono problemi insoluti e irrisolvibili a cui non riesco a dare una spiegazione e forse non ci riuscirò mai, ma è nostro compito provare almeno a cambiare qualcosa.



Technorati Tags:, ,
Generated By Technorati Tag Generator

1 commento:

Neo ha detto...

Eh ci voleva tanto!
Mo potrai rompere pure sul web :D
Quello ke dici purtroppo è vero.
Mi verrebbe da aggiungere che questa frenesia del tempo, di arrivare "di essere" è frutto di un qualcosa piu grande dell'uomo stesso e a cui pare non ci sia una strada per tornare indietro.Punto di non ritorno.Ci si deve divertire a tutti i costi, andare in piscina in palestra e poi fare gli aperitivi tutte le sere, sono tutte cose normali per carità ma spesso ci si dimentica di riflettere sulla vità.